Vincenzo Branà

Avatar

Dei fatti, del giornalismo, della cultura lgbtq, di Bologna, della cronaca, della politica e d’altre bazzecole interessanti


I numeri di Cofferati

L’INCONTRO
Il sindaco fa tappa al Quartiere Porto. Senza barba.

Sergio CofferatiCofferati non ha più la barba: forse questa è la notizia più significativa – e anche quella più lusinghiera – che riesco a trarre dall’incontro pubblico del sindaco coi cittadini del Quartiere Porto. Sta malissimo, perdonatemi la nota di colore ma vi assicuro che è così. Ma si sa, finchè non glielo dice Edoardo la barba non ricresce. Ed Edoardo, stando ai dati anagrafici, per ora non parla ancora…

Cofferati ha raccontato Bologna per numeri, cifre su cifre accompagnate da interpretazioni in più punti claudicanti. Prima osservazione: il sindaco ha annunciato che lo “stato dell’opera” dell’amministrazione bolognese è disponibile on line su Iperbole, e che l’aggiornamento di quei dati viene fatto con cadenza quadrimestrale. Resta un mistero, allora, perché ai cittadini del quartiere Porto si distribuisse materiale datato aprile 2008, cioè 7 mesi fa. Stando alle parole del sindaco chiunque, connettendosi a Iperbole in quel preciso istante, avrebbe ottenuto dati più aggiornati. Ma forse, in realtà, avrebbe trovato gli stessi. Insomma, partiamo malino…

La popolazione bolognese è composta per più di un terzo da anziani, ha detto il sindaco. Bologna è “invecchiata”, questo il succo del discorso. Di contro però Cofferati parla di un costante aumento delle nascite. Non ci vuole Cartesio per dedurre che i due dati – composti insieme – ne producono un terzo (che Cofferati si è guardato bene dal sottolineare). Aumentano le nascite ma la popolazione invecchia, quindi il numero dei neonati non raggiunge il numero degli over 65. Ragioniamoci un po’ su: in linea teorica, ogni coppia uomo/donna proiettata nel futuro “produce” due anziani, cioè loro stessi. Non di più: difficile immaginare flussi migratori di over 65 o – peggio ancora – parti cesarei che mettano alla luce arzilli pensionati. Nel contempo ogni coppia uomo/donna può “produrre” un numero indefinito di bambini ( i figli): 1, 2, 3, 4. Oppure nessuno. Il profilo di Cofferati – ma attenzione questo lo dico io – andrebbe tradotto così: le famiglie bolognesi nella stragrande maggioranza non fanno più di un figlio. Se la media fosse almeno 2 compenserebbe l’invecchiamento, ma così non è. Madonna nel frattempo pensa già ad adottare il quarto, seccata dalla concorrenza della coppia Pitt-Jolie. Non ci piace il modello “Madonna”? No, più semplicemente non abbiamo soldi per mantenere famiglie numerose.

Ma c’è un’altra possibilità: mentre gli adulti invecchiano e i bimbi nascono (poniamo pure in egual proporzione) i giovani scappano. Su questo fenomeno, sono sincero, non ho dati. Ma su due piedi mi vengono in mente decine di ex compagni di liceo e Università che prima di tagliare il traguardo del trentesimo anno di età hanno lasciato questa città.

Cofferati dice inoltre che a Bologna è cambiato lo stile di vita: una donna arriva ad avere il primo figlio – in media – a 33 anni. Un uomo a 35. “Un fenomeno positivo” ha detto il sindaco, che probabilmente da neopapà 60enne ha un debole per la genitorialità “canuta”. Che, però, non per tutti è una scelta. Quindi ha parlato di precarietà, chiamandola “insicurezza”. Fuocherello, stavo per urlargli, ma lui lì ha preso una tangente e non è riuscito a legare la genitorialità tardiva e il figlio unico alla mancanza di un lavoro fisso e di una casa. A proposito di precarietà ha anche dato le cifre dei dipendenti comunali “stabilizzati” in questi anni: qualche decina, il numero preciso non l’ho appuntato. Anche perché l veri dati significativi – l’età media di questi dipendenti “stabilizzati”, gli anni di precariato che avevano alle spalle e soprattutto quanti ne restavano ancora da stabilizzare – non li ha mai detti: quelli sì, me li sarei appuntati.

Parlando di anziani Cofferati ha sottolineato la “solitudine” – il male che li affligge – e ha sostenuto perciò il valore e l’importanza dei centri sociali a loro dedicati. Che, in effetti, a Bologna sono sorti come funghi un po’ dappertutto e in gran quantità, non per un guizzo avanguardistico dei nostri territori, bensì perché la solitudine di cui Cofferati parla – una novità, dice lui – è in realtà raccontata da vent’anni dai sociologi e perfino nei romanzi da spiaggia. Il fenomeno nuovo, questo a Cofferati sfugge, è la solitudine della mezza età, quella di cui ormai tutti parlano analizzando, per esempio, il fenomeno Facebook. Tra asili e centri anziani, Cofferati ha liquidato i giovani dedicando a loro “tutto il resto”. E una serie di battutine che più che ai giovani si riferivano al suo Assessore Virginio Merola, candidato alle primarie e autore di un programma incentrato, appunto, sui giovani. Ovviamente l’assessore non lo citava, alludere senza nominare sembra essere diventata un’arte in politica.

Ultime note di colore:

“Il Mambo è la galleria d’arte moderna più importante d’Italia”. Forse l’unica che lui ha visto, personalmente gli consiglio tutte le altre. Senza nulla togliere al Mambo, per carità. Ma i veri “nomi” passano altrove.

La Sala Borsa è la biblioteca per ragazzi più grande d’Europa”. Ma in Europa, ovviamente, non lo sa nessuno.

E infine una rimozione: Il Cassero, il motivo per cui ero lì. Per il sindaco non esiste e nonostante abbia più volte citato la Manifattura delle Arti si è guardato bene dal nominarlo. In effetti dal suo insediamento il sindaco aveva fatto intendere di volerci vedere altrove. Intanto, però, altrove ci va lui.

Tra le lenzuola di Haider

IL CASO
L’outing postumo del leader austriaco appassiona il dibattito. Ma in Italia?

Joerg Haider e Stephen Petzner

Insomma: Haider era gay sì o no? Dopo gli articoli di giornale, gli interventi dei politici e le dichiarazioni dei congiunti potremmo francamente infischiarcene tutti. Non lo fa Aurelio Mancuso, presidente di Arcigay, il primo a invocare qualche giorno fa il “chissenefrega” collettivo dalle pagine di Liberazione, per poi tornare sull’argomento, dopo il fiume di parole sulle colonne del giornale di Sansonetti, sull’homepage del suo blog. Paola Concia, l’unica omosessuale visibile del Parlamento, parla di un’informazione come le altre. E in effetti informazione lo è, Concia ha ragione. Forse non proprio come le altre: Haider era omofobo, apertamente e violentemente. Il fatto che fosse gay un effetto lo farà, quanto meno sui suoi sostenitori. (Tanto per iniziare Josef Bucher – e non Stefan Petzner, il “delfino” e amico “intimo” del defunto – è stato nominato alla guida del gruppo parlamentare della Bzoe). Un po’ presto per considerare l’onda d’urto nel suo complesso, ma su questa linea di ragionamento troveremo sicuramente più informazioni che rovistando nelle ultime goliardiche ore del leader della destra austriaca. Perché, come giustamente sottolinea Franco Grillini, sul piatto c’è un altro fatto, cioè il coming out di Stephen Petzner, braccio destro di Haider ed erede della sua leadership. Coming out che accende i riflettori sulla “relazione speciale” tra Haider e il suo pupillo. La moglie lo sapeva, riportano i media. Cosa sapeva?, mi chiedo io. Ma la risposta precisa non l’ho trovata da nessuna parte.

Insomma il bravo Marco Fraquelli (intervistato giorni fa anche da Blogosfere) a un anno appena dall’uscita del suo libro Omosessuali di Destra si trova già a doverne aggiornare le ultime pagine. Senza però riuscire ancora a contraddire il viril vanto italico espresso nel ventennio dal Duce. “In Italia sono tutti maschi”, diceva Mussolini. E in effetti la destra tricolore ancora non si “svela”, nemmeno dopo il terremoto Haider. Il consigliere UDC Alberto Villa, dopo aver dichiarato la propria omosessualità si è dimesso dal partito. Ma, diciamocelo, l’estrema destra è un’altra cosa. Grillini, che proprio a una presentazione del libro di Fraquelli a Milano animò un’infervorata querelle con Daniela Santanchè, di tutti i destrorsi chiama in causa Calderoli, in effetti uno dei più “turbati” dall’omosessualità di Haider: “Ci piacerebbe sapere la sua opinione” dice. E io mi domando: perché è il più omofobo o il più velato?

Nel frattempo, ci informa Babilonia, esce in Gran Bretagna la biografia di Heinrich Himmler a cura dello storico Peter Longerich: il gerarca nazista, manco a dirlo, era misogino e gay represso. Non si faceva mancare proprio nulla, lui.

|

Prima di andartene...

Ci sono molti altri articoli che possono interessarti. Sfoglia gli archivi! Se decidi che il tuo tempo qui è terminato, allora permettimi di invitarti a tornare. E lasciati salutare con un aforisma di Jawaharlal Nehru, fondatore, insieme a Gandhi, dell'India indipendente e democratica...




My status