Vincenzo Branà

Avatar

Dei fatti, del giornalismo, della cultura lgbtq, di Bologna, della cronaca, della politica e d’altre bazzecole interessanti


“Loro”: l’orrore della Uno bianca diventa poesia di dolore

IL LIBRO
La raccolta di poesie di Sergio Rotino apre la collana di Dot.com

LoroIl 19 giugno del 1991 la banda della Uno Bianca rapinò un distributore di benzina a Cesena, trucidandone il titolare, Graziano Mirri. Si trattava dell’ennesimo fatto di sangue messo a segno dalla masnada dei fratelli Savi, poliziotti dalla doppia vita, e succedeva a quattro anni esatti dalla prima rapina effettuata da quel famigerato gruppo di banditi. La data del 19 giugno 1991 è il dato reale che si rivela nel cuore di Loro, la raccolta di poesie di Sergio Rotino con cui si apre la collana Poetica, diretta da Manuel Cohen, dell’editore Dot.com. Il 1991 fu una delle stagioni più sanguinarie nella parabola criminale della banda della Uno bianca: nel gennaio la strage al Pilastro, poi ancora morti ad aprile, a maggio, a giugno, ad agosto. Rotino, insomma, poggia lo sguardo nel mezzo di una carambola di colpi da fuoco, indaga un sangue fresco che ricorda l’odore di quello appena rappreso. Racconta il lutto nella sua esasperazione e vi si immerge coniugando la curiosità del cronista alle fughe in avanti del poeta; procede per visioni come un drammaturgo, accosta fotogrammi come in una stanza di montaggio, poi dispone in pagina col senso del ritmo del più smaliziato dei direttori d’orchestra allestendo la raccolta come uno spartito, in cui i titoli ricordano tanto le annotazioni del compositore quanto le visioni del regista; un pentagramma da leggere sul lato lungo, così da raddoppiare la corsa degli accordi, lo sguardo, il respiro. Il tempo. Roberto Roversi, nella postfazione, parla di un “breviario forsennato e medievale di riflessioni poetiche dilatate impietosamente, fino a una rigida esasperazione”. Enzo Mansueto, nella prefazione, descrive una “parola ritmata da una musica scomoda, chiassata e schizoide. Il verso che s’allunga e si contrae, spasmodico. Il ritmo che rallenta, e già è schizzato via”. Il Loro di Rotino è insomma un concerto che sollecita i timpani e spalanca le pupille, un luogo in cui riflette sul male e sulla legge che lo governa, la paura. Che cresce, diventa terrore e terrorismo, assume i connotati di uno stile di vita, di una pratica riconoscibile, infinitamente riproducibile.

Nessun commento

Lascia un commento
(oppure esegui un trackback dal tuo sito)


Rispondi a ““Loro”: l’orrore della Uno bianca diventa poesia di dolore”

Prima di andartene...

Ci sono molti altri articoli che possono interessarti. Sfoglia gli archivi! Se decidi che il tuo tempo qui è terminato, allora permettimi di invitarti a tornare. E lasciati salutare con un aforisma di Jawaharlal Nehru, fondatore, insieme a Gandhi, dell'India indipendente e democratica...




My status