Vincenzo Branà

Avatar

Dei fatti, del giornalismo, della cultura lgbtq, di Bologna, della cronaca, della politica e d’altre bazzecole interessanti


Lulù Delacroix contro tutti

LA POLEMICA
Esce per Rizzoli il nuovo romanzo della scrittrice riminese.
Barilli stronca Isabella Santacroce. Lei replica, scoppia il caso.

Lulù DelacroixLa scintilla è stata innescata proprio all’ombra delle Torri. E’ stato infatti Renato Barilli, in uno dei recenti numeri di Tuttolibri, l’allegato della Stampa, a esprimere senza mezze misure il suo pollice verso al nuovo romanzo della riminese Isabella Santacroce, Lulù Delacroix (Rizzoli). Lei, allora, ha deciso di replicare e l’ha fatto con una lettera aperta che dal suo seguitissimo blog ha raggiunto l’attenzione dei media: “io penso lei sia un venduto” ha messo nero su bianco la scrittrice. Il perchè è presto detto: lo stesso Barilli, tre anni fa su quella stessa testata, aveva definito “un capolavoro” il precedente lavoro di Santacroce, V.M.18. Oggi invece quello stesso libro diventa, a detta del critico, soltanto “una prova riuscita”.

Immediata la protesta della scrittrice: “Un capolavoro non è una prova riuscita, e mai diventerà una prova riuscita”. Da lì a pochi giorni si è sollevato il caso: prima sulle pagine de Il Giornale, lo scorso 31 marzo, dove Massimiliano Valente ha preso spunto dall’affaire Santacroce per descrivere i contorni di un’insurrezione – silenziosa ma massiccia – degli autori alla critica. Poi su Fahrenheit, la trasmissione di Radio tre, dove un gruppo di critici, Barilli in testa, ha tentato di levare gli scudi contro l’inatteso attacco. La disputa, insomma, vola alto, troppo alto per chi, da lettore, poggia sul comodino Lulù Delacroix, avendone appena conclusa la lettura. Per chi si affezionato – immedesimandosi forse – a quella bambina calva ed emaciata, condannata all’imperfezione in un luogo dove la perfezione, al contrario, è regola ferrea. Per chi, alla fine, si è perfino abituato a quel congiuntivo ostinato – l’errore per antonomasia – con cui parla la piccola “imperfetta”, una lingua assurda che è forse la spia dei troppi “se” in cui è immersa l’infanzia oggi.

Il giudizio è un obbiettivo alto che lasciamo ad altri, il consiglio invece è merce più prosaica, di cui anche noi possiamo disporre. Allora il consiglio è quello di fare la conoscenza di Lulù, di condividere la sua eroica missione. In un mondo di mostri in cui la meraviglia è il miracolo delle parole. E della scrittrice che le genera.

Un commento

Lascia un commento
(oppure esegui un trackback dal tuo sito)

  1. Tequila Maria Cipri

    In ogni essere umano esiste un pizzico di lulù… se non avete il coraggio di tirarla fuori evitate di andare per strada, con le vostre giacche in tinta con la cravatta. le scarpe lucide e i conti stratosferici al ristorante. In punto di morte … è il sogno e la speranza che si cerca , non la paura di essere “diversi” e/o di attaccare “i diversi” che ci accompagna giorno dopo giorno di paripasso con l’ignoranza e l’ipocrisia

    RispondiRispondi

Rispondi a “Lulù Delacroix contro tutti”

Prima di andartene...

Ci sono molti altri articoli che possono interessarti. Sfoglia gli archivi! Se decidi che il tuo tempo qui è terminato, allora permettimi di invitarti a tornare. E lasciati salutare con un aforisma di Jawaharlal Nehru, fondatore, insieme a Gandhi, dell'India indipendente e democratica...




My status